Maggiori aggiornamenti sui social

Elisabetta Feruglio
News

Il formato sarà 8cmx10cm e dovremo fare più o meno 12 pagine: oltre al tema, la grappa Riserva del Fondatore Da Ponte, queste sono state le uniche indicazioni. Ma come fare per sapere quanto testo scrivere? Da sempre io ho lavorato cercando di essere un aiuto fattivo al team e di cavarmela, quando posso, da sola. Di conseguenza, per capire come organizzare il materiale e il numero di battute, ho creato con la carta un libriccino con le esatte misure e il numero di pagine. Su questo cartaceo ho organizzato il materiale per ogni pagina, tenendo conto anche degli spazi per le immagini. A computer ho poi visto quante righe di testo potevo inserire per ogni pagina e da li ho cominciato a ‘costruire’: 5 righe nella prima pagina, libera la seconda pagina per le immagini, 10 righe nella terza pagina, 5 righe nella quarta con foto e claim e così avanti. Ha funzionato: tutto il testo che ho scritto è entrato e anche gli spazi per le fotografie sono andati bene. Che soddisfazione! (EFCopywriting per Distilleria Andrea Da Ponte, Conegliano).

A seconda della fruizione, un contenuto va costruito in modo diverso. Per Progetto Nächste, azienda che si occupa di cyber security e continuità operativa, ho dovuto presentare un prodotto su più canali, riorganizzando di volta in volta tutto il lavoro anche in base al target a cui era destinato. Per la cartella stampa, che doveva apparire su più testate di settore, ho scritto un testo a ‘blocchi’ indipendenti così che il giornalista potesse prendere il necessario senza dover per forza seguire il filo logico del mio discorso. Per il publiredazionale, canale più promozionale che sarebbe andato a colpire diverse fasce di lettori, ho scritto un testo d’impatto e discorsivo basato soprattutto sulla facilità di utilizzo del prodotto e i suoi plus. Per il catalogo, invece, dedicato a professionisti di settore, ho dato la precedenza a termini tecnici e all’approfondimento dei plus di prodotto in base alle singole tipologie d’azienda. Fare il copywriter non significa solamente ‘scrivere’ ma ‘scrivere quello che serve nel modo più adatto’ e per questo ci vuole conoscenza e passione, ma anche tanta esperienza (EFCopywriting per Progetto Nächste, Udine).

Come mantenere attiva la comunicazione con i propri pazienti in un momento così particolare come una pandemia? Il problema si è sentito in modo particolare negli studi odontoiatrici costretti a rimanere a disposizione solo per le urgenze. Per sostenere lo Studio Associato Rieppi e Zangrando abbiamo deciso di ‘osare’, aprendo nuovi canali che prima erano stati esclusi in quanto ritenuti non in linea con la filosofia aziendale. L’abbiamo fatto con estrema cura, attenzione, dosando ogni parola ed analizzando ogni immagine pubblicata. Sono stati incentivati i canali di newsletter e soprattutto aperta una pagina Facebook che è stata creata in totale sinergia con lo staff. La bellissima sorpresa, oltre alla grande partecipazione di tutti i pazienti, è stato un maggior coinvolgimento di tutte le persone che lavorano nello Studio e che, sentendosi coinvolte, hanno creato legami ancora più profondi e collaborativi di quelli già esistenti (EFCopywriting per Studio Odontoiatrico Rieppi e Zangrando, Udine).

Spesso le aziende hanno bisogno di materiale promozionale in tempi ridottissimi. Ma come fare? Semplice: ci si affida ad una squadra affiatata, capace di ottimizzare i tempi senza influire sulla qualità. Per Simeoni Tecnogreen abbiamo realizzato un pieghevole a tempo di record: brief, divisione delle attività, sviluppo, traduzioni, stampa… e in meno di una settimana tutto era pronto. Il vero segreto sta nel desiderio di tutto il team di raggiungere il risultato: dove tu non arrivi, arrivo io e viceversa. Non ci sono gelosie o pigrizie. Questo è l’atteggiamento vincente che mi piace trovare in tutte le squadre con cui mi trovo a collaborare (EF Copywriting + DSegno Udine).

Un copywriter può fare lo script per voi e formare il personale dedicato in modo che la telefonata riesca gradita ed efficace. Purtroppo il mondo del telemarketing è un terreno minato ma, se fatto con cura e professionalità, regala vantaggi inaspettati. Per una ditta tedesca ho curato il recall di alcuni clienti che avevano lasciato i loro nominativi durante fiere ed eventi: come prima cosa, per rendere l’operatore più coinvolto, sono partita dall’assunto che se una persona lascia il biglietto da visita o comunque un contatto vuol dire che dell’interesse a tutti gli effetti c’è. Allora si comincia con ‘Buongiorno, sono Caterina Rossi della XXX… ci dispiace di ricontattarla così tardi…’ e poi la telefonata continua con una serie di opzioni… funziona!

Personalizzare per il proprio brand una bottiglia di amaro: ecco un’idea diversa e decisamente piacevole per i regali di Natale. Ma come collegare un amaro all’attività della committenza (un gruppo immobiliare di Udine)? Essendo la compravendita di case il business principale, sono partita da li giocando sull’idea di gusto declinabile sia sulla casa (il piacere di stare a casa) che sull’amaro (il piacere di bere qualcosa di buono). Nato il payoff ‘Il gusto di essere a casa’, con la bravissima Anna Antonutti abbiamo lavorato fianco a fianco per fare di grafica e copy un unico atto creativo. Una notte stellata, una piccola casa illuminata sulla collina, onde dorate invitano al relax… anche una poesia di Elizabeth Austin rende l’essere a casa… ancora più gustoso (Anna Antonutti e EF Copywriting per Gruppo Immobiliare Quore-UD).

Il Payoff è la ‘frase’ che solitamente si trova sotto il nome del brand e ne completa l’identità aziendale. E’ un testo breve che descrive ma, al tempo stesso, ispira. Per Tralci di Vita, una nuova start up friulana molto particolare, creare il payoff è stata un’esperienza particolare e molto appagante. Tralci di Vita è un’azienda vitivinicola nata dalla passione del suo fondatore che ancora cura le vigne e l’uva solo con metodi manuali e praticamente ‘vive’ tra i suoi filari tra i quali trova sempre qualche cosa da fare o da migliorare. L’attaccamento alla terra è assoluto e sincero, come il rispetto per i vigneti e il vino. ‘Dalla nostra terra, l’anima sincera del vino’… un payoff già scritto nell’anima dell’azienda (EF Copywriting & Iosystems per Tralci di vita).

 

I redazionali sono un mezzo di comunicazione molto efficace: giornali, riviste, magazine, testate di settore… questi articoli più o meno lunghi appaiono un po’ ovunque e, se scritti bene e soprattutto con lo stile giusto per chi li legge, possono veicolare notizie importanti e decisive all’acquisto. Per il redazionale DOME Security Technology e Mondialpol destinato all’inserto Fiera della Casa Moderna edizione 2019, sono andata a ‘indagare’ sulle loro novità, rimanendo io stessa affascinata dalle soluzioni proposte: il riconoscimento facciale e le casseforti intelligenti… scrivendolo, anche io mi sono riproposta di andare a vedere… (EF copywriting per DOME Security Techonolgy e Mondialpol).

Il naming è una delle attività più entusiasmanti: riassumere in poche lettere una realtà non è cosa facile ma quando si arriva alla soluzione giusta, la soddisfazione è veramente grande. L’ultimo naming che ho creato era per uno studio odontoiatrico che riuniva in sè diverse competenze. Come prima cosa sono andata a vedere la location per respirare l’atmosfera, conoscere le persone e capire a chi lo studio voleva rivolgersi. Poi ho cominciato a lavorare identificando all’inizio vari concetti, seguendo ragionamenti diversi. Alcune strade si sono interrotte subito, altre mi hanno portato verso soluzioni non adatte. Alla fine, però, ho focalizzato che l’elemento fondante di tutto lo studio era quello di armonizzare il lavoro dei professionisti con le necessità di una clientela fatta di compaesani e di persone comunque conosciute. Quale naming ho scelto? Sintonia…

Nella comunicazione di adesso la fotografia è un elemento fondante e per realizzare un sito web piuttosto che una brochure o un catalogo è necessario che immagini e copy vadano di pari passo. Per questo sempre più spesso, per lavori comuni, i fotografi mi chiedono di partecipare allo shooting così che le loro foto completino la comunicazione scritta. Per il nuovo sito dello Studio Odontoiatrico Piergiorgio Testa di Ortisei abbiamo organizzato una trasferta ‘di gruppo’ (sia io che i fotografi eravamo di Udine) ma ne è veramente valsa la pena anche perchè con il fotografo abbiamo potuto confrontarci anche per la postproduzione e per la soluzione di numerosi aspetti anche legati alla grafica. Guardate il risultato su www.piergiorgiotesta.it (EF Copywriting e Andrea Almacolle fotografo).